Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus. blog comments powered by Disqus

CLITUNNO 1 - CANNARA 2

Con l'odierna sconfitta interna, subita ad opera di un combattivo Cannara, la Clitunno precipita definitivamente nel girone infernale dei play-out, bisognerà mostrare una maggiore determinazione se si vorrà tentare la lotteria della salvezza. Oggi i biancoazzurri hanno mostrando ancora una volta la preoccupante difficoltà di affrontare con il giusto piglio gli incontri decisivi vanificando alla fine il notevole impegno profuso.

cccl1
commento di Fabiana Grullini foto E.Pacifici

La Clitunno cede al Cannara e saluta definitivamente ogni speranza di salvezza diretta. Con la sconfitta di oggi diventa infatti matematico il passaggio per la lotteria dei Play out. Ad una giornata dalla fine del Campionato la salvezza dista ben 5 punti e non è più praticabile. Delineate anche le concorrenti che disputeranno i play off. Queste le ultime 6 della classe:

Castel del Piano 35
Gm 10 32
Todi 30
Clitunno 30
San Venanzo 27
Pierantonio 17

Tra queste squadre l'unica a potersi giocare la possibilità di salvarsi è la GM10 che si gioca la possibilità di salvezza nell'ultima giornata contro l' Angelana. Il Castel del Piano invece ospiterà proprio la Clitunno. Ma andiamo alla Cronaca. Nei primi minuti regna un sostanziale equilibrio. Proietti Bovi abbandona l'usuale 4-3-3 scendendo in campo con un 4-4-2 che rafforza il centrocampo. Al 12' Antonini calcia una punizione dal limite ma Battistelli si oppone bloccando senza problemi. Quattro minuti più tardi Raccichini calcia una punizione dai 25 metri ma manda di un niente sopra la trasversale. Al 19' Capoccia entra in area sul limite dalla fascia sinistra, contratto da Drauli cade ma l'arbitro non ravvede gli estremi del penalty.

canclit01canclit03
canclit04

Al 29' sempre Capoccia serve una palla d'oro per Trollini che sciupa mandando a lato a pochi metri dalla porta.

canclit05canclit06canclit07canclit08

Immediatamente a seguire altra occasione mancata per la Clitunno con Battistelli che respinge con i pugni un colpo di testa di Capoccia.

canclit09canclit10canclit11

Alle occasioni mancate dai padroni di casa, risponde un Cannara cinico che al 31' trova il gol: una respinta corta delle retroguardie campelline viene intercettatata sul limite da Anselmi che trova la conclusione mandando in rete alla sinistra del portiere campellino.

canclit13canclit14

In questa fase il gioco si svolge principalmente a centrocampo con qualche incursione sulle corsie esterne dall'una e dall'altra parte. Al 44' ci prova ancora Antonini con una semirovesciata che Battistelli cattura senza problemi. Ripresa meno avvincente con pochissime azioni da segnalare. Passano due minuti e Raccichini va in avanti tutto solo entra in area e tira ma trova la pronta respinta di Felici.

canclit18canclit20

È solo questione di tempo perché al 14' arriva il raddoppio del Cannara: défaillance difensiva di Argenti che gabbato da un rimbalzo beffardo della palla sul terreno di gioco, lascia spazio libero a Albi che da distanza ravvicinata non sbaglia e infila in rete.

canclit22canclit23canclit24

Il gol della bandiera per i padroni di casa arriva al 39' con una prodezza di Antonini che sale a destra e si accentra liberandosi di tutti i difensori avversari per poi tirare a incrocio un rasoterra che filtra e va a infilarsi alla sinistra di Battistelli
.

canclit25canclit26canclit28canclit29


CLITUNNO (4-4-2) Felici; Argenti (18' st Ajdini), Appolloni, Quondam, Tulli (18' st Galli); Trollini, Finauro (11' st Pino), Cavadenti, De Rosa; Antonini, Capoccia. All.: Proietti Bovi. A disp.: Proietti, Campana, Santini, Fortunati.

CANNARA (4-2-3-1) Battistelli; Drauli, Moriconi, (18' st Botticchia), Gigliotti, Venarucci; Barbini , Frenguelli: Anselmi, Angelucci (29' st Ciani), Albi (38' st Fastellini); Raccichini. All.: Vicarelli. A disp.: Bitra, Fattorini, Piergiovanni, Cimarelli.

ARBITRO: Menichetti di Perugia

RETI: 31' pt Anselmi (Ca), 14' st Albi (Ca), 29' st Antonini (Cl)

AMMONITI: Antonini, Galli; Gigliotti, Angelucci, Raccichini.


blog comments powered by Disqus